Stampa

Le diarree dei vitelli su una linea temporale

on . Postato in Sanità

Le diarree dei vitelli su una linea temporale

L’ottimale produzione di latte parte da una corretta gestione dei vitelli. Nella conferenza annual del Dairy Calf and Heifer Association del 2019, il dott. Keith P Poulsen del Wisconsin Veterinary Diagnostic Laboratory ha presentato una relazione che sintetizza da un punto di vista temporale le problematiche dei vitelli, che vi riassumiamo in questo articolo.

Non tutte le cause delle diarree dei vitelli sono agenti patogeni infettivi

Di solito pensiamo che le principali cause delle diarree dei vitelli siano di natura microbiologica (batteri, virus, protozoi). Non va però dimenticato che possono essere anche legate alla composizione del latte. I cambiamenti nei solidi totali di +/- 2% potrebbero essere un fattore primario nei disturbi gastrointestinali nei vitelli e in combinazione con gli agenti patogeni, potrebbero essere difficili da trattare portando ad un aumento della mortalità dei vitelli.

I solidi totali possono essere testati presso il proprio laboratorio diagnostico veterinario o in azienda con un rifrattometro Brix. Ricorda che l'uso di Brix richiede curve standard per ogni prodotto sostitutivo del latte. L'osmolalità dei prodotti sostitutivi del latte può anche essere un problema quando i soluti per volume sono troppo alti, il che riduce la digeribilità e può causare un assorbimento osmotico nell'intestino invece della digestione nella circolazione portale.

Due meccanismi di base della patogenesi

I meccanismi principali che causano la diarrea sono due: malassorbimento e secrezione. I patogeni che causano la diarrea da malassorbimento lo fanno danneggiando gli enterociti e i villi intestinali riducendo drasticamente la superficie disponibile per assorbire i nutrienti attraverso meccanismi di trasporto passivi e attivi. La diarrea secretoria è causata da specifici fattori di virulenza, come la tossina shiga-like di E.coli, che la secrezione di elettroliti e bicarbonato nel lume dell'intestino. Ciò provoca un prelievo osmotico di acqua dallo spazio extracellulare nell'intestino e provoca una diarrea acquosa.

Primi 1-3 giorni di vita

La diagnosi di diarrea nei primi giorni di vita è impegnativa e si stima che fino al 50% di questi casi non sia diagnosticato. I vitelli che iniziano a mostrare segni clinici di diarrea nei primi tre giorni di vita devono essere testati per E. coli enterotossingenico (ETEC). L'ETEC ha come fattore patogenetico, oltre alle tossine, anche le fimbrie e viene anche chiamato K99 (F5) e / o F41 E. coli. Gli ETEC causano diarrea secretoria da enterotossine e quando muoiono, possono causare setticemia a causa del rilascio di endotossina (LPS). È importante ricordare che non tutti gli E. coli sono creati uguali ed è importante distinguere ETEC (o altri E.coli patogeni), da E. coli generico attraverso la coltura fecale. Il periodo di rischio per ETEC è limitato e probabilmente non è un agente causale oltre i 10 giorni di età.

Primi 4-30 giorni di vita

Quando i vitelli sono da quattro a dieci giorni di vita, la diagnosi definitiva diventa più difficile a causa della pletora di agenti patogeni che causano la malattia, tra questi vi è anche la Salmonella che, fortunatamente, non rappresenta un problema frequenti nei nostri allevamenti essendo una malattia zoonosica.

Il periodo da cinque giorni a due settimane è quando vediamo il nostro agente patogeno più comune, il rotavirus. Il rotavirus provoca una diarrea da malassorbimento grazie ad una tossina NSP4 che colpisce l'intestino tenue. Il rotavirus è stabile nell'ambiente fino a nove mesi nel materiale fecale. Nello stesso periodo possiamo anche avere le infezioni da coronavirus nei vitelli. I coronavirus enterici causano patologie e patologie più gravi del rotavirus perché possono distruggere completamente i villi intestinali (malassorbimento) e spesso portare anche a diarrea secretoria. Il coronavirus provoca anche patologia del colon piccolo e grande. Il danno può essere così grave che possiamo avere infezioni batteriche secondarie. I vitelli infetti rilasciano quantità significative di virus nell'ambiente rendendo il virus molto contagioso. Fino al 70% delle vacche sane rilasciano il coronavirus nelle loro feci, il che rende comune la contaminazione dell'ambiente.

Da una settimana a un mese è quando il periodo con la maggiore frequenza di criptosporidiosi nei vitelli. La specie più comune è il C.parvum, ma si possono trovare anche C.bovis e C.hominus. La criptosporidiosi causa principalmente una diarrea da malassorbento e recenti ricerche suggeriscono che la secrezione di bicarbonato e cloruro è importante nella sua patogenesi. Il Cryptosporidium provoca la distruzione dei villi intestinali che impiegano 4-14 giorni per rigenerarsi, a seconda della quantità di villi distrutti. Il parassita può sopravvivere per mesi in ambienti umidi e freddi. L'essiccazione e la luce ultravioletta sono la chiave per uccidere il parassita negli ambienti dei vitelli perché sono resistenti a diversi disinfettanti.

Il Clostridium perfringens A è un patogeno opportunistico che provoca malattie nella fascia di età di 10-14 giorni. È una flora normale nel tratto gastrointestinale e richiede le giuste condizioni per crescere eccessivamente e causare malattie. Quando ciò accade, è in genere grave e acuto. Problemi nutrizionali e alterazioni della flora con antibiotici orali sono spesso associati alla malattia di C.perfringens A. Anche il Clostridium perfringens B e C sono associati a setticemia ed enteriti nella prima settimana di vita.

Il ruolo di Giardia diarrea dei vitelli non è chiaro. Alcuni esperti ritengono che sia un patogeno primario tra i 5-7 giorni di età. Altri pensano che si tratti di più di una co-infezione e che accada più tardi nella vita, a partire da due settimane di età. Il periodo di inbcubazione è di sette giorni, quindi trovare l'organismo prima di una settimana di età suggerisce un ambiente fortemente contaminato. Ad ogni modo, provoca disfunzione dello strato cellulare epiteliale dei villi e una diarrea da malassorbimento.

La coccidiosi causata da coccidi del genere Eimeria, di cui si conoscono 13 specie, è un’altra malattia parassitaria che è abbastanza comune e potrebbe interessare i vitelli nell'intervallo di 10-14 giorni di età, ma a causa del periodo di 21 giorni di incubazione. La gravità delle diarree da coccidi dipende dall'umidità ambientale che ne favorisce la crescita e il 95% dei casi è subclinico.

Opzioni diagnostiche

La diagnosi di diarrea nei vitelli si è evoluta negli ultimi 10 anni facendo molto affidamento sulle tecniche diagnostiche molecolari. La coltura batterica è ancora importante per la sierotipizzazione e la sensibilità antimicrobica. La colorazione acida rapida è ancora affidabile per le infezioni parassitarie. L'efficace diagnosi inizia con l'identificazione precoce dei vitelli malati. Quando i vitelli iniziano a mostrare segni di malattia è importante perché in genere si trovano diversi agenti patogeni in specifici gruppi di età dei vitelli. L'età dei vitelli colpiti aiuterà anche a identificare i fattori di rischio di infezione e propagazione della malattia al fine di attuare cambiamenti nella gestione.

I campioni fecali devono essere raccolti il ​​più presto possibile quando un vitello sviluppa diarrea. Se questa raccolta viene ritardata di alcuni giorni, è meglio attendere che il vitello successivo inizi dare problemi e raccogliere il campione da quel vitello. Ciò darà al veterinario la più alta probabilità di trovare l'agente causale.

Le feci devono essere raccolte in un contenitore per campioni a prova di perdite. Sono accettabili tazze per campioni con coperchi a vite o a scatto e preferiamo diversi grammi di feci. Non riempire il contenitore fino all'orlo. Inoltre, non inviare campioni in maniche o guanti. Sono difficili da estrarre il campione e hanno un'alta probabilità di contaminazione.

Anhea
Biomereux
Delaval
Fatro
Ferrero
Foss
Milkrite Interpuls
Premix
Veronesi
Virbac

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.