Stampa

Come è cambiata la mastite e la sua terapia

on . Postato in Sanità

Come è cambiata la mastite e la sua terapia

P.Ruegg nota esperta di mastite americana, che è anche stata ospite in un nostro recente congresso ha presentato alla 2018 Tri-State Dairy Nutrition Conference un interessante intervento che vi riassumiamo in questo articolo.

La riduzione della mastite è sempre stata una priorità importante per i produttori di latte e la gestione della salute della mammella è stata influenzata dalla continua evoluzione della struttura degli allevamenti. Poiché gli allevamenti si sono sempre più ingranditi, anche la distribuzione dei patogeni della mastite è cambiata. Infatti, generalmente gli allevamenti più grandi adottano con maggiore frequenza pratiche di gestione moderne che riducono la trasmissione di infezioni mammarie.

Sebbene l’aumento delle dimensioni dell’allevamento abbia portato a una riduzione delle cellule a livello di latte di massa, la mastite rimane una sfida significativa per molti allevamenti da latte. L'aumento nel numero di animali e i cambiamenti nella stabulazione hanno aumentato la potenziale esposizione a patogeni intramammari opportunisti che spesso si presentano con lievi segni clinici e negli Usa i data complessivi indicano che il tasso di mastite clinica è costantemente aumentato negli ultimi anni.

La gestione della mastite richiede l'uso di sistemi di rilevamento e registrazione accurati per il rilievo sia delle mastiti subcliniche sia di quelle cliniche. Senza avere almeno il conteggio cellulare periodico (controlli funzionali), le strategie di gestione efficaci per il controllo delle mastiti subcliniche sono estremamente limitate.

In molti allevamenti, inoltre, i segni iniziali di mastite clinica vengono trascurati o ignorati sia dagli esseri umani sia dai sistemi di rilevamento automatico. Per questo scopo, l'uso di una scala a 3 punti basata sui sintomi clinici è pratico, intuitivo, semplice da registrare. In questo sistema, un punteggio di gravità della mastite di 1 (lieve) viene assegnato quando il latte anormale è l'unico sintomo, 2 (moderato) viene assegnato quando il latte anormale è accompagnato da sintomi localizzati della mammella (come gonfiore o arrossamento) e 3 (grave) viene assegnato quando si osservano sintomi sistemici, come febbre, anoressia, stasi del rumine o una forte diminuzione della produzione di latte. La ricerca ha indicato che la distribuzione della gravità della mastite clinica è: circa il 50% lieve, 35% moderata e 15% grave. Quando i primi getti di latte non vengono esaminati, circa il 50% dei casi non verrà rilevato e se la proporzione di casi gravi supera il 15% circa, questo è un segnale che è necessario indagare sull'intensità del rilevamento delle mastiti cliniche e sulla definizione del caso.

Sebbene i segni clinici possano essere suggestivi di alcuni patogeni, il rilevamento della mastite si basa sull'osservazione di segni non specifici di infiammazione ed è impossibile diagnosticare la causa sulla base dell'osservazione del latte, della ghiandola o dell'animale. In allevamento normale, circa il 50% dei campioni di latte ottenuti da vacche con mastite subclinica e dal 25 al 40% dei campioni di latte ottenuti da casi di mastite clinica sono microbiologicamente negativi. Negli allevamenti che hanno problemi di mastiti ambientali, molti casi clinici lievi e moderati sono causati da patogeni opportunisti che vengono eliminati con successo da una risposta immunitaria locale. I sintomi clinici vengono osservati dopo che il sistema immunitario ha risposto e circa il 75-80% di questi casi può effettivamente guarire spontaneamente prima del rilevamento dei sintomi. L'unico modo per determinare se i sintomi della mastite lieve e moderata sono accompagnati da infezione attiva (e quindi trarranno beneficio dalla terapia antimicrobica) è eseguire analisi microbiologiche.

Uno studio su un grosso allevamento del Winsconsin con latte di massa caratterizzato da un conteggio cellulare di circa 220.000 cellule / ml ha indicato che venivano effettuati circa 40 trattamenti di mastite clinica per 100 vacche in lattazione all'anno, con un intervallo da 6 a 90 trattamenti per 100 vacche all'anno. Il latte di scarto rappresentava circa l'1,8% del latte giornaliero (da trattamenti), con una quantità massima giornaliera di scarto del 6,7%.

Nella maggior parte paesi a zootecnia avanzata, i programmi per la salute della mammella sono sempre più incentrati sulle mastiti causate da agenti patogeni ambientali. Il termine "patogeno ambientale" si riferisce alla mastite causata da batteri opportunisti che hanno il loro reservoir nell'area di stabulazione delle vacche. Il controllo della mastite causata da agenti patogeni ambientali può essere più complesso del controllo della mastite causata da batteri contagiosi. I materiali da lettiera, l'umidità, il materiale fecale nelle aree di stabulazione sono serbatoi per questi agenti patogeni e il loro controllo richiede la riduzione dell'esposizione dei capezzoli delle vacche più sensibili. L'esposizione ai batteri da sola non si traduce necessariamente in un’infezione e, tanto meno, in una mastite clinica. Per tutte le malattie infettive, l'esposizione a un agente patogeno è necessaria per l'infezione, ma la mastite è una malattia multifattoriale e sono necessari altri fattori di rischio affinché l'esposizione provochi la mastite. I fattori che influenzano il rischio di infezione da patogeni opportunistici includono fattori di gestione, come la progettazione e l'utilizzo delle stalle, la gestione della lettiera (compresa la dimensione delle particelle e il contenuto di umidità e materia organica), l'adeguatezza delle procedure di mungitura. Fattori importanti a livello di vacca includono le caratteristiche anatomiche della mammella e dei capezzoli. Sebbene l'esposizione sia importante, il rischio di infezione è anche influenzato dalla capacità della mucca di attivare una risposta immunitaria rapida ed efficace dopo che i batteri sono penetrati nell'orifizio del capezzolo.

Per quanto riguarda la terapia, in un recente studio una percentuale notevolmente maggiore di animali è stata trattata per la mastite (40 trattamenti / 100 vacche / anno) rispetto ai disturbi riproduttivi (13 trattamenti / 100 vacche / anno), malattie respiratorie (4 trattamenti / 100 vacche / anno), zoppia (5 trattamenti / 100 vacche / anno) o problemi digestivi (2 trattamenti / 100 vacche / anno). Questi dati indicano che gli sforzi per ridurre l'uso di antibiotici negli allevamenti devono essere mirati alla prevenzione e al trattamento appropriato della mastite.

Prima di utilizzare antibiotici per il trattamento della mastite, è necessario considerare diversi principi importanti. Gli antibiotici non dovrebbero essere usati per le vacche che hanno poche probabilità di trarne beneficio. Le vacche che hanno una precedente diagnosi di mastite causata da un agente patogeno refrattario (Mycoplasma bovis, Staph aureus, Prototheca, Serratia, ecc.) Non dovrebbero ricevere antibiotici in quanto è improbabile che siano efficaci. Allo stesso modo, è insolito che la terapia antibiotica sia efficace per le vacche che hanno sintomi cronici di mastite (> 3 casi di mastite clinica (CM) durante l'attuale lattazione o> 4 mesi di SCC> 200.000 cellule / mL).

In sintesi, i criteri per un utilizzo giustificabile di antibiotici sono:

1. L'uso di antibiotici deve essere fatto sotto la guida del veterinario aziendale.

2. Gli antibiotici dovrebbero essere usati solo quando esiste una ragionevole probabilità che sia presente un'infezione batterica.

3. Gli antibiotici a spettro ristretto che sono meno critici per il trattamento delle malattie umane dovrebbero essere usati come prima scelta.

4. Gli antibiotici dovrebbero essere usati per il minor tempo possibile.

5. Le caratteristiche delle vacche colpite devono essere riviste prima di somministrare gli antibiotici.

6. L'uso di in deroga degli antibiotici dovrebbe essere evitato.

Anhea
Biomereux
Delaval
Fatro
Ferrero
Foss
Milkrite Interpuls
Premix
Veronesi
Virbac

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.