top of page

La sala di mungitura è un punto nevralgico per la sostenibilità



Mungere più vacche velocemente, produrre più latte, aumentarne la qualità, ridurre i casi di mastiti sono tutte possibili strategie per aumentare la sostenibilità dell’allevamento.

Tutte queste strategie passano dalla sala di mungitura.

La cosiddetta Mixed Milking Art (MMA) termine intraducibile che potremmo definire come “arte di mungere in modo non ottimale per aumentare la produttività” e che rappresenta un costante gioco di equilibri tra la produttività della sala di mungitura e la raccolta di latte da vacche ben stimolate con capezzoli puliti e asciutti.  La competizione è incentrata su ciò che è meglio per la vacca rispetto al numero di vacche da mungere all'ora.

 

Come identificare la MMA nella vostra sala di mungitura

La ricerca ha stabilito le fasi importanti necessarie per preparare una vacca alla mungitura.  L'obiettivo finale è invitare la vacca a partecipare pienamente al processo.  La tabella seguente definisce gli obiettivi principali, i tempi necessari e le azioni che, invece, vengono omesse, a seconda dell’allevamento e realizzare così il gioco di equilibri detto prima. 

Preparazione ottimale della mammella

Tempi richiesti

Azioni in corso di MMA (diverse da allevamento ad allevamento)

Detersione capezzolo pre mungitura

15-60 sec

Mancata detersione

Scarto dei primi getti di latte

4-8 sec

Mancato scarto

Osservazione dei primi getti di latte

4-8 sec

Mancata osservazione

Asciugatura

8-15 sec

Asciugatura incompleta o mancante

Lag time per attacco

90-120 sec 

<45 sec

Preparazione completa

98-135 sec

Attacco diretto senza preparazione

 

Possiamo spingere troppo per la produzione?

Quando si lavora con i sistemi biologici, le modifiche apportate per aumentare le prestazioni possono raggiungere un punto di rendimento decrescente.  Un esempio di questo fenomeno è la ricerca che raccomanda una densità di allevamento del 120% nelle stalle a cuccetta come il compromesso più redditizio tra la produzione di latte e il comfort delle vacche.  Il massimo del comfort è, ovviamente, una vacca per cuccetta.  La maggior quantità di latte si dovrebbe ottenere, invece, aggiungendo sempre più vacche alla stalla. La parola chiave in questa discussione è "redditività".  Sappiamo però che non sempre questo si realizza e un numero eccessivo di vacche rispetto alle cuccette porta ad una riduzione della redditività (minore produzione di latte).

L'ipotesi di mungere più vacche all'ora in sala di mungitura è quella di consegnare più latte al giorno.  Un'ottima gestione, tuttavia, non può superare la fisiologia del riflesso di rilascio del latte.  Le scorciatoie o l'eliminazione totale di procedure di preparazione fondamentali in mungitura hanno conseguenze negative che potrebbero trascinare verso il basso la redditività.

 

Perché la MMA è importante nell’influenzare la redditività? 

La montata lattea è un processo ben conosciuto nella vacca, per cui la stimolazione prima della mungitura e il tempo che intercorre tra il primo tocco e l'attacco dell'unità devono rispondere a requisiti biologici.  Inoltre, l'80-90% del latte presente nella mammella della vacca è immagazzinato nel comparto ghiandolare e può essere raccolto solo con il rilascio di ossitocina.  L'aumento della produttività (numero di vacche munte/ora o volume di latte prodotto/ora) della sala di mungitura sottrae tempo alla stimolazione dei capezzoli e al tempo di attesa necessario per prevenire bimodalità.

Inoltre, l'igiene dei capezzoli ha una forte correlazione con la qualità del latte raccolto e il rischio di nuove infezioni mammarie.  Perché allora ci sono così tante variazioni nel modo in cui le vacche vengono preparate e munte in tutto il Paese (USA)? 

 

Due grandi problemi quando si applica la MMA: . 

1. La mungitura di capezzoli sporchi non è mai accettabile.  Attaccare un gruppo di mungitura a un capezzolo sporco aumenta il rischio di mastite.  Questo può avvenire per diversi motivi, a seconda del tipo di allevamento

  • Pascolo: aree umide; pioggia;

  • Non tenere le stalle pulite e asciutte;

  • Scarsa toelettatura della coda; scelta del materiale della lettiera; posizionamento delle vacche

  • Lettiera alternativa: Sabbia riciclata o letame; contenuto di umidità; livelli di batteri (CFU/g)

  • Paddock esterni: eccellenti con tempo asciutto e impegnativi con tempo umido

La produttività della sala di mungitura ha una correlazione negativa con i punteggi relativi all'igiene dei capezzoli.  L'aumento dei tassi di nuove infezioni è costoso anche se si sceglie di non trattare alcuna mastite clinica.  Le maggiori perdite in dollari dovute alla mastite derivano dalla diminuzione della produzione di latte nel corso della lattazione e dall'aumento del tasso di rimonta forzata. 

 

2.  La bimodalità è stata tradizionalmente criticata per l'allungamento dei tempi medi di mungitura e per l'esposizione dell’apice del capezzolo a livelli elevati di vuoto, proprio come l'eccessiva mungitura dovuta al distacco ritardato dell'unità. 

Gli effetti negativi sono legati alla durata della bimodalità: più lungo è l'evento bimodale, meno latte viene raccolto. Una mungitura bimodale di 30-60 secondi può ridurre la produzione di quasi 1,5 kg per un singolo evento.  Una mungitura bimodale superiore a 60 secondi può portare a raccogliere oltre 2,5 kg di latte in meno. 

 

Il lato cieco dell'MMA

La conta delle cellule somatiche nel latte di massa (BTSCC) non è un buon barometro dell'MMA.  Se i mungitori identificano costantemente nuovi casi di mastite clinica, la vostra BTSCC potrebbe non aumentare molto perché le vacche con un alto numero di cellule sono in infermeria o sono trattate.  Se "non avete tempo per scartare e guardare i primi getti di latte", non avete più un metodo coerente per identificare la mastite clinica. 

I tassi di mastite sono una migliore valutazione della MMA.  I tassi di nuove mastiti cliniche dovrebbero essere inferiori al 2% al mese nella mandria in mungitura.  I tassi di nuove infezioni dovrebbero essere inferiori al 7% al mese, con valori nelle primipare inferiori a quelli delle pluripare. Un obiettivo accettabile per la bimodalità è un valore inferiore al 15%. 

 

Tratto da Dairy MMA: Parlor Throughput vs. Optimal Milk Harvest di Roger Thompson

67 visualizzazioni

Post correlati

Comentarios


bottom of page