Stalle USA: emorragia finita?


imagesUSA

Questa crescita, accompagnata da prezzi del latte relativamente sostenuti, è con ogni probabilità all’origine di un fenomeno che non si è mai osservato dal 1992, ovvero la riduzione del numero di alleamenti a valori inferiori a 1700 unità (1631). L’unico anno con valori simili è stato il 2010 con una perdita di 1800 allevamenti.


Come illustrato nella tabella 1 nel corso degli ultimi 20 anni si è passati da 131500 aziende a sole 45000, un terzo circa delle iniziali. Questo ha portato a una variazione sostanziale dello scenario produttivo americano come illustrato dalla tabella 2. L’andamento è stato ovviamente molto diverso nei diversi stati con addirittura un’area (Nord-Est) che comprende tutti gli stati nord-atlantici dove le variazioni osservate sono state solo dello 0,2%.

Il processo di costante riduzione del numero di aziende è ancora in corso in Europa e in Italia, tuttavia questa nuova situazione americana, permette di sperare che prima o poi anche da noi tale riduzione subisca una forte riduzione.

Fonte dati Hoard’s Dairyman 10, 2015

472411 Hoards Dairyma selected pages2
472411 Hoards Dairyma selected pages4
472411 Hoards Dairyma selected pages3
5 visualizzazioni

Post correlati