Un sistema di scoring per valutare la gestione dei vitelli

La corretta gestione dei vitelli è fondamentale per il successo dell’allevamento; al fine di valutare l’andamento e la bontà di tale gestione è possibile sfruttare un semplice sistema di scoring che assegna un punteggio da 1 (peggiore) a 5 (migliore) a parametri quali attitudine, salute e condizioni corporee nelle diverse fasce d’età:

  1. Attitudine, prendere in considerazione il comportamento generale il vitello e quello nei confronti dell’ambiente che lo circonda. Un vitello sano dovrebbe essere vigile, attivo, curioso e con una certa attitudine al gioco.

  2. Salute, valutare i casi di enterite e di forme respiratorie secondo evidenze scientifiche; ad esempio un episodio di diarrea in un vitello con un ottima attitudine e particolarmente vorace nell’assunzione del latte non deve essere classificato automaticamente come enterite neonatale. Per quanto riguarda le forme respiratorie è importante prestare attenzione a tosse e scoli nasali.

  3. Condizioni corporee, quest’ultimo parametro è espressione della correttezza della dieta; i vitelli che assumono un alimento di buona qualità incrementano il loro peso giornalmente e tendo ad essere più resistenti alle malattie. Un vitello in buone condizioni fisiche, a prescindere dall’età, dovrebbe presentare un Body Condition Score compreso tra 3,0 e 3,5; per assegnare un punteggio alle condizioni corporee devono essere osservate tre aree dell’animale:

1. Colonna vertebrale: un vitello eccessivamente esile (BCS < 3) presenta una colonna con processi ossei prominenti e un garrese fortemente “appuntito” a differenza di un vitello in buone condizioni (BCS > 3) dove tali aree sono rese meno aspre dalla presenza di tessuti.

2. Gabbia toracica: coste molto evidenti sul torace del vitello sono indice di troppa magrezza (BCS < 3) mentre in un vitello sano (BCS > 3) le coste sono coperte da muscoli e tessuto adiposo.

3. Bacino: un depressione evidente tra la tuberosità iliaca e quella ischiatica è indice di condizioni corporee inadeguate (BCS < 3)

Le condizioni corporee devono essere valutate nelle fasce d’età dei vitelli così da fornire un valido aiuto nell’identificazione di eventuali problematiche relative ai vari del management dell’alimento:

  1. 1 – 10 giorni di vita, un punteggio elevato in questa fascia d’età è indicativo di un eccellente gestione del colostro mentre un punteggio basso suggerisce errori nella somministrazione del colostro e/o vitelli neonati stabulati in condizioni igieniche carenti.

  2. 30 giorni, un punteggio basso può essere indice di deficit a livello nutrizione, in particolare il latte somministrato ai giovani bovini può essere insufficiente e/o di qualità inadeguata.

  3. 60 giorni, un punteggio insoddisfacente è suggestivo di problematiche a livello di alimento solido che potrebbe essere insufficiente dal punto di vista quali-quantitativo al sostentamento dell’animale a questa età.

I vitelli rappresentano il futuro dell’azienda e dovrebbero essere sempre tenuti nella massima considerazione con programmi e piani gestionali a loro specificamente dedicati.

Fonte: Tom Fuhrman – What are your calf management scores? – Hoard’s Dairyman (Giu. 2013).

2 visualizzazioni

Post correlati

Le zoonosi sono quelle malattie che possono essere diffuse tra le persone e gli animali e sono causati da agenti patogeni come batteri, virus, funghi e parassiti. A differenza delle patologie che infl

La somministrazione del colostro ai vitelli in una quantità corretta e con una qualità ottimale è lo strumento più efficace per salvaguardare la salute dei vitelli. Molti allevatori utilizzano un rifr