top of page

Il prezzo del latte in Nord Europa è già legato alla sostenibilità ambientale



L’anno scorso, Arla, una cooperativa multinazionale, ha introdotto un suo nuovo modello innovativo di incentivi alla sostenibilità che premia gli agricoltori per le iniziative di miglioramento del clima e dell’ambiente che intraprendono. Oggi Arla inizia a pagare questo nuovo incentivo mensile aggiungendolo al prezzo del latte. In altre parole, gli agricoltori che fanno di più per il clima e l’ambiente riceveranno il prezzo più alto per il loro latte. Di conseguenza, ai consumatori viene garantito che una parte del prezzo che pagano per i prodotti Arla aiuta a premiare e motivare una transizione più rapida verso un’agricoltura lattiero-casearia più sostenibile.

Peder Tuborgh, loro direttore, ha affermato che “l’incentivo alla sostenibilità rappresenta un grande passo avanti verso il collegamento tra economia e miglioramenti climatici e naturali nelle aziende agricole. Il sistema di punteggiatura sviluppato da Arla ci consente di premiare i nostri proprietari e contribuire così all’insostenibilità dei loro grandi investimenti.”

Il modello di incentivi alla sostenibilità è stato elaborato in stretta collaborazione con il consiglio degli agricoltori di Arla e coinvolgendo gli 8.500 agricoltori proprietari di Arla. Sulla base delle misure che potrebbero avere il maggiore impatto, è stato sviluppato un sistema con 19 aree di impatto, come l’efficienza dei mangimi e delle proteine, la gestione del letame, l’uso di soia sostenibile, l’uso di energia rinnovabile e l’uso del territorio. Il sistema a punti viene utilizzato per premiare il lavoro degli agricoltori di Arla in termini di sostenibilità e inizialmente sono disponibili 80 punti.

Gli agricoltori di Arla guadagnano punti in base alle loro iniziative sul clima e sull'ambiente. Per ogni punto guadagnato, gli agricoltori ricevono 0,03 centesimi di euro per chilo di latte. Il prezzo del latte dipende quindi dalle iniziative climatiche e ambientali attuate nelle aziende agricole.

Quando Arla ha introdotto il modello di incentivi alla sostenibilità, l'azienda si aspettava che gli agricoltori raggiungessero una media di 39 punti sul totale di 80. Tuttavia, il primo rendiconto mostra che l’agricoltore medio ha raggiunto 48 punti sulla base delle iniziative registrate entro la fine di giugno 2023. I 48 punti significano che in sette paesi Arla paga una media di 1,44 centesimi di euro per chilo di latte ai suoi allevatori attraverso l’incentivo alla sostenibilità. A questo si aggiunge un altro centesimo di euro per chilo di latte per la presentazione dei dati del Climate Check necessari per usufruire dell'incentivo di sostenibilità. Per un'azienda agricola media con una produzione annua di latte di 1,6 milioni di kg (100-120 vacche), i due importi in totale equivalgono a circa 40 .000 euro all'anno.

Diverse iniziative sono in atto anche in Italia, ma nessuna è ancora arrivata a legare i miglioramenti dell’impatto ambientale al prezzo del latte. Dobbiamo però aspettarci che questo avverrà prima o poi anche da noi ed è necessario essere preparati a questa ennesima sfida.


Arla Foods è una cooperativa internazionale con sede a Viby in Danimarca nata dalla fusione di Arla (Svezia) con MD Foods (Danimarca) ed è la settima azienda casearia più grande del mondo. Arla Foods è di proprietà di oltre 8.400 agricoltori provenienti da Danimarca, Svezia, Regno Unito, Germania, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi

per visitare il sito ARAL potete selezionare i link :

https://www.arla.com/company

189 visualizzazioni

Post correlati

Comments


bottom of page