La classificazione delle diarree dei vitelli

Per affrontare correttamente i problemi di diarrea nei vitelli è necessario definire la gravità del problema in base ad una codifica riguardante la consistenza delle feci dei vitelli:

  1. Costipazione

  2. Dense e formate

  3. Formate ma pastose

  4. Non formate ma dense

  5. Acquose

I casi lievi di diarrea sono caratterizzati da feci con punteggi da 3 a 5 ma senza un’apprezzabile riduzione di appetito.

I casi moderati di diarrea hanno feci con punteggio 4-5, ma con una modesta perdita di appetito.

I casi gravi hanno diarrea con punteggio 4-5, perdita di appetito, depressione e disidratazione.

I casi lievi possono essere trattati con soluzioni reidratanti aggiunte al latte.

I casi moderati prevedono l’utilizzo di un antibiotico su indicazione del veterinario, oltre a quanto previsto per le diarree lievi.

I casi gravi vengono trattati come i moderati, ma deve essere immediatamente richiesto l’intervento veterinario.

Se da un lato la registrazione dei casi è utile per indentificare i fattori di rischio (l’epidemiologia) della sindrome diarroica in allevamento, è altrettanto importante che venga fatta una corretta diagnosi di laboratorio.

Così come avviene per le mastiti e per altre patologie, una corretta identificazione e registrazione dei casi permette sia un intervento immediato più efficace, ma soprattutto la definizione delle misure di prevenzione più adeguate

Da Rodha – Keeping ahead of calf diarrhea problems –Hoards dairyman 09/2010 pag 768.

0 visualizzazioni

Post correlati

Le zoonosi sono quelle malattie che possono essere diffuse tra le persone e gli animali e sono causati da agenti patogeni come batteri, virus, funghi e parassiti. A differenza delle patologie che infl

La somministrazione del colostro ai vitelli in una quantità corretta e con una qualità ottimale è lo strumento più efficace per salvaguardare la salute dei vitelli. Molti allevatori utilizzano un rifr