L’informatizzazione della mungitura parte 1.

Il monitoraggio informatizzato dei vari parametri aziendali è uno strumento importante per la corretta gestione dell’allevamento, a patto però che la scelta dei dati da analizzare sia contestualizzata agli obiettivi posti dal magement. Questo concetto vale per la riproduzione come per la produzione lattea (monitoraggio delle performances della sala mungitura e della gestione del latte comprese).

Nel caso delle attività gestionali correlate al latte, prima di iniziare con l’analisi dei dati, è fondamentale che vengano seguite tutte le regole finalizzate ad una produzione lattea di qualità e che il personale di stalla segua una corretta routine di mungitura, quando svolge tale operazione.


In numerose aziende americane di grandi dimensioni le operazioni di mungitura si svolgono 3 volte al giorno, in questi allevamenti la capacità della sala mungitura risulta il fattore limitante per le dimensioni della mandria. Ai fini di ottimizzare la mungitura delle vacche sane in alcune di queste realtà è presente una sala “ospedale”, di dimensioni ridotte, impiegata per la mungitura dei gruppi di bovine infette. In ogni caso tutte le sale devono prevedere dei tempi di inattività, durante la giornata, tali da permettere le corrette operazioni di pulizia e disinfezione. In questi sistemi produttivi il monitoraggio dei vari parametri legati alla mungitura è essenziale, tra questi ricordiamo: latte/vacca, latte/ora, vacca/ora, latte/posta, posta/ora, flusso medio di animali e durata media della mungitura.

Nelle aziende di piccole dimensioni generalmente la capacità della sala mungitura non è un fattore limitante per la quantità di capi in lattazione, anzi la sala solitamente resta vuota per la buona parte della giornata. In queste realtà il monitoraggio dei parametri correlati alla sala mungitura è comunque importante, anche se non così vitale come nelle grandi aziende.

Una corretta gestione dei dati informatizzati può fornire un utile aiuto per il monitoraggio di tutti gli aspetti della produzione del latte, tendendo tuttavia sempre presente che per quanto la funzionalità e la corretta impostazione delle strumentazioni abbiano un forte impatto sulle produzioni, il fattore umano resta sempre quello maggiormente significativo. Gli obiettivi finali delle scelte gestionali devono essere l’incremento delle performances della sala di mungitura, il miglioramento della sanità della mammella e un’elevata qualità del latte.

0 visualizzazioni

Post correlati

L’autore dell’articolo Jeffrey Bewley ha preso spunto dal libro “Piccoli giganti: aziende che scelgono essere grande invece che grosse” di Bo Burlingham. Quest’ultimo, dopo aver intervistato piccole i