La mastite vista dall’Olanda (Parte II)


Olanda_mulino_g

I risultati di queste indagini hanno dimostrato che all’interno delle 5 fattori generali considerati (mungitura, diagnosi, trattamento, valutazione quali-quantitativa della produzione e altri) i diversi “comportamenti” hanno un effetto diverso su mastiti cliniche, conta cellulare dell’allevamento e totale delle mastiti.

Per quanto riguarda la mungitura sono risultati significativamente associati ad una riduzione delle cellule nel latte di massa: utilizzare i guanti, disinfezione del capezzolo dopo mungitura ed evitare che le bovine si sdraino dopo la mungitura. Sono invece statisticamente associati ad una riduzione delle mastiti cliniche la pulizia a secco del capezzolo pre-mungitura, mentre per il totale delle mastiti il solo fattore significativo è risultato la separazione degli animali infetti.

Per quanto riguarda la terapia, il prelievo ed analisi dei campioni di latte degli animali con mastite è risultata essere statisticamente associata con una riduzione delle cellule somatiche e del totale delle mastiti.

Il controllo ed eventuale analisi del latte di animali con cellule alte al controllo funzionale è risultato significativamente associato con una riduzione delle mastiti cliniche, mentre la valutazione della frequenza di vacche problema o “in allarme” è risultata essere associata con una riduzione delle cellule somatiche e del totale delle mastiti.

Infine la pulizia delle cuccette è significativamente associata ad una riduzione delle mastiti totali e delle cellule somatiche.

Da Jansen PVM (2009).92:210-223

1 visualizzazione

Post correlati

L’autore dell’articolo Jeffrey Bewley ha preso spunto dal libro “Piccoli giganti: aziende che scelgono essere grande invece che grosse” di Bo Burlingham. Quest’ultimo, dopo aver intervistato piccole i