Nutrizione

Nutrizione e metabolismo nella produzione del latte

È noto come la nutrizione abbia la possibilità di condizionare in misura variabile, nell’entità e nel tempo, molti dei parametri chimici e fisici del latte. Il livello d’interferenza è proporzionale agli errori nutrizionali commessi ma anche al peso che la nutrizione ha nell’espressione fenotipica di un determinato carattere. Sappiamo come, nel tempo, l’espressione fenotipica dei caratteri grasso e proteina sia stata condizionata in maniera variabile dall’ambiente e dalla genetica. Le grandi malattie metaboliche come l’acidosi ruminale, la chetosi sub-clinica o lo status di deficit energetico nel pre- e post-parto hanno un impatto negativo sul corretto funzionamento di qualsiasi ruminante da latte rappresentando a volte un importante fattore predisponente di malattie infettive o di grandi anomalie nelle caratteristiche chimico-fisiche del latte. Molte sono le nuove tecniche di gestione dell’ambiente e della nutrizione che vengono via via proposte, con la finalità di minimizzare l’impatto negativo delle dismetabolie sulla qualità del latte, innovazioni, che vanno discusse e verificate, prima di essere diffuse.

0 visualizzazioni

Post correlati

Educazione e divulgazione nella produzione del latte, programmazione attività MCI Il controllo delle infezioni mammarie comprende due momenti ben definiti: la prevenzione e la terapia. Nel primo caso,

Terapia e immunomodulazione nel controllo delle infezioni mammarie Il controllo delle infezioni mammarie comprende due momenti ben definiti: la prevenzione e la terapia. Nel primo caso, accanto alle d

Disinfezione e igiene della produzione del latte e dei derivati La qualità e la sanità sono valori strettamente interconnessi tra loro e, a loro volta, legati alla salute dell’animale, alla qualità de